Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

Chi siamo

Chi siamo

Il progetto Valdera 2020 è un processo partecipativo attivato dall'Unione Valdera con il sostegno dell'Autorità regionale per la Partecipazione della Toscana ai sensi della L.R. n.69/2007 (Norme sulla promozione della partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali).

L'Unione Valdera è un ente locale costituito ai sensi dell’articolo 32 del Decreto Legislativo 267/2000 come unione tra i 15 comuni appartenenti alla zona socio-sanitaria Valdera (Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Crespina, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, Santa Maria a Monte e Terricciola) per l’esercizio congiunto di una pluralità di funzioni e servizi.

mappa valdera

Si tratta di un ente locale dotato di un proprio Statuto e di potestà per la gestione delle funzioni ad esso affidate. L’Unione Valdera ha un assetto istituzionale analogo a quello di un comune di dimensione superiore a 100.000 abitati. E’ rappresentata da un Presidente ed è dotata di un Consiglio con funzioni di indirizzo e programmazione (40 consiglieri, scelti in rappresentanza delle componenti di maggioranza e di minoranza dei Consigli dei Comuni aderenti) e di una Giunta (composta dai Sindaci dei Comuni aderenti) con funzioni di governo.

In Italia esistono già molteplici esperienze di Unioni realizzate tra Comuni. L’Unione Valdera, costituita il 30 ottobre 2008, è stata la prima unione di comuni nata in Toscana, il 30 ottobre 2008; con i suoi 15 Comuni, 120.000 abitanti circa e 648 Kmq di territorio, è la seconda Unione a livello nazionale per dimensione demografica.

Essa rappresenta il punto di arrivo qualificato di un processo decisionale protratto nel tempo, che ha raccolto anche i segnali e le opinioni provenienti dalle componenti della società civile.

L’Unione raccoglie la spinta propulsiva proveniente da molteplici forme associative realizzate dai comuni della nostra zona, la più significativa e duratura delle quali è rappresentata dal Consorzio Alta Valdera.  Il nuovo ente si pone come strumento di governo dei servizi e delle funzioni che possono essere organizzati in forme più efficienti ed efficaci attraverso l’integrazione stabile delle risorse, delle competenze e delle esperienze possedute dai comuni della Valdera e dalle persone che vi operano.

All’Unione aderiscono tutti comuni della zona socio-sanitaria, inclusi i comuni che fungono da punto di contatto con altri ambiti territoriali (Buti e Santa Maria a Monte, che operano da molti anni con l’area geografica della Valdera in particolare nei settori sociali e dell’istruzione, pur appartenendo per storia e morfologia, rispettivamente agli ambiti del Monte Pisano e del Valdarno) la cui presenza è stata giudicata un rafforzamento della potenzialità operativa, per l’elaborazione di strategie di area vasta nei settori operativi che lo richiedono.

L’Unione della Valdera vuole porsi inoltre come guida e promotrice di un nuovo senso cooperativo tra gli agenti del nostro territorio.  Il percorso che ha condotto gli enti locali ad associarsi si svolge anche in altri ambiti del tessuto locale, che vede sorgere gruppi di acquisto solidale tra consumatori, reti di scuole, associazioni di agricoltori biologici e sociali, partnership permanenti nel terzo Settore, progetti unitari in ambito formativo e sociale e molto altro.

L’Unione vuole sviluppare nel proprio ambito e territorio le pari opportunità (garantire a tutti i cittadini dell’area i medesimi diritti di accesso ai servizi, con particolare riguardo ai residenti nei piccoli comuni), l’ efficienza e il contenimento dei costi (conseguire economie di scala attraverso l’uso integrato dei fattori di produzione), la qualità dei servizi (aumentare la specializzazione degli addetti per un miglior servizio al pubblico), l’elaborazione di politiche integrate unitarie, (impiegare al meglio le vocazioni e potenzialità di ciascun territorio), l’aumento del peso politico dell’area (elevare la forza contrattuale della zona rispetto ai livelli politici e amministrativi sovraordinati)

Si sta delineando, in definitiva, un vero sistema territoriale in grado di fronteggiare con maggiori possibilità di successo le difficili sfide che attendono la nostra società.

Le funzioni ed i servizi ad oggi gestiti dall'Unione Valdera interessano l'area dei servizi generali (Personale, Agenzia formativa, Sistemi informativi e innovazione tecnologica, Statistica) l'area dei servizi socio-educativi (Servizi educativi per ogni età, Reti per la cultura Biblioteche e Musei, Progetti e interventi sociali, Contributi a persone e famiglie, Servizi scolastici), l'area dei servizi tecnici (Protezione civile e ambiente, Gestione PIP - PEEP e opere pubbliche, Suap, Turismo e Servizi alle imprese) e l'area dei servizi territoriali (Polizia locale, Tributi e Raccolta e trasporto nettezza urbana).

Per ulteriori informazioni relative all'Unione Valdera vai al sito www.unione.valdera.pi.it

Per contattarci in relazione al progetto Valdera 2020 vai alla sezione "Contatti" di questo sito.

Il logo del progetto Valdera 2020 è stato realizzato e messo a disposizione gratuitamente per l'Unione Valdera dal graphic designer Michele Galardi (www.michelegalardi.com)